mercoledì 22 ottobre 2008

Shellina Winkler e Solkide Auer


Shellina Winkler dice di sé:

Sono entrata su Sl per curiosità e per approfondire, attraverso l'auto apprendimento, le potenzialità didattiche del metaverso. Ma col tempo, vedendo i prodotti realizzati dagli altri avatar nel metaverso, ho privilegiato la via della costruzione ed in ultima analisi la realizzazione di opere d'arte.
Ho frequentato i corsi di building su Indire e grazie ai preziosi consigli ed insegnamenti di Solkide Auer ho cominciato ad allineare i primi prim. Da quel momento abbiamo collaborato e sperimentato insieme e partecipato a mostre in parecchi musei e gallerie inworld.
La grande versatilità di modelazione dei prim (il "primitive": un oggetto tridimensionale, un blocco costruttivo di base con cui è stata creata tutta SL) mi ha dato la possibilità di sperimentare varie forme e tecniche.
Partendo dalla creazione di sculture basilarmente geometriche, ho sperimentato la possibilità di creare quadri di pittura simulata (prim paintings) applicando oggetti bidimensionali su un piano che rappresenta la tela gestendo le texture in modo da creare effetti visuali.
Ho poi privilegiato il "monoprim" creando opere massimizzando le potenzialità di un singolo prim cercando di tirar fuori, con la sola applicazione di texture o soltanto di colori, opere semplici nella loro complessità.
Ogni opera nasce "inworld" partendo dall'applicazione di semplici regole del build guidate dalla creatività, passione, dall'amore per le forme ed i colori. Ogni opera racchiude in sè spesso un messaggio frutto delle esperienze vissute all'interno di questo mondo arricchite dalla fantasia che questo mondo contraddistingue.
L'essere artista su Second Life è diventato il mio impegno prioritario. La realizzazione di quadri e di sculture, la possibilità di esporre in varie gallerie e, cosa più importante, il riconoscimento di ciò che esprimi attraverso la tua arte da parte di chi ti circonda, mi ha spinto a sperimentare cosa si prova a vivere da artista.
Da giugno 2008 una selezione delle opere da me realizzate sono visitabili presso la galleria Italic'Art che divido col collega Solkide Auer
Nella mia ultima fase ho realizzato opere immersive e la partecipazione al Burning Life è stata una grande opportunità per metterle in mostra, considerato che le opere in quanto fruibili dall'interno, hanno a volte bisogno di ampi spazi per essere vissute al meglio.
Dall'estate del 2008 ho esposto periodicamente alcune mie opere a Brooklyn is Watching, una galleria Americana che si avvale di un'interfaccia "Real", cioè di una galleria a New York City. Due delle mie opere "PSYCHEDELIC DREAM" E "SECOND STAR TO THE RIGHT" sono state commentate nei podcast settimanali che i curatori delle gallerie inworld e real registrano.

English

SHELLINA WINKLER’S BIO

I initially joined the SL community out of curiosity; I wanted to check the potential of education in the metaverse via self-training. After looking at other avatars' works I decided to put building first and the creation of works of art became my main goal.
I attended some lessons of building at Second Learning – INDIRE Land thanks to precious Solkide’s advice I started putting together my first prims. Since then we started working together and exhibiting our works in many inworld museums and galleries.
The great versatility of prims gave me the opportunity to try different forms and techniques. At the beginning I mainly created geometrical works; later, I experienced the creation of "prim-paintings" by the application of objects on a board thought as a canvas, using textures in order to create visual effects.
Afterwards I focused my attention on “monoprim” maximizing the potential of a single prim trying to obtaining from it, by using textures or merely colours, simple works in their complexity.
Every single work sees its birth completely “inworld”. Creativity, passion and the love for shapes and colours generate a work with a meaning inside which is the result of my experiences lived in Second Life enriched, as well, by the fantasy which is the peculiarity of this world.
Being an artist on Second Life is my main purpose. Creating "paintings" and "sculptures", being able to exhibit in some galleries and, the last but not the least, my friends’ appreciation of my work, all allowed me to understand what it feels like living as an artist.
Since June 2008 a selection of my works can be seen at Italic’Art Gallery which I share with my colleague Solkide Auer.
In my last phase I’ve been working on “Immersive” works and my taking part at the Burning Life 2008 has been a great chance to show them. As most of them can be seen in their interior they need big space to be lived at their best.
Since summer 2008 I’ve periodically exhibited some of my works at Brooklyn is Watching, an American Gallery which has an interface in Real Life in New York City. Two of my works “PSYCHEDELIC DREAM” AND “SECOND STAR TO THE RIGHT” have been commented in two podcasts that the curators of the galleries, both virtual and real, weekly record.

Exhibitions
june 2007
Piramide _ indire
july 2007
Piramide Indire
e a seguire ciclicamente ogni tre mesi è stata organizzata un'esibizione degli artisti del gruppo Orion Tales
December 2007
Prima Mostra personale a Mantova la mostra è permanente ancora visitabile
Arkitris
december 2007
Factory ArtHouse
January 2008
Alberobello
May 2008:
Angel Gate - Concorso per la realizzazione di un Angelo
Kublai Porto dei Creativi
Crescent Moon Museum " Pretty in Prims" Mostra personale di Shellina Winkler e Solkide Auer
Radiance at Angel Gate
Bourbon Street Art Gallery
Inaugurazione di "Madonna di Campiglio" Mostra di quadri e sculture (permanente)
October 2008
BURNING LIFE
E' in corso la mostra al Diadema di lion Igaly in Second Nation

Mostre Permanenti:
Museo del Metaverso - Dulcamara
Aho Museum – NMC Campus
Primtings
Pyramid – SecondLearning Italy, Indire
Mostra Personale Mantova
Diadem Palace 1, Second Nation
Diadem Palace 2 , Milano

Galleria : Italic’Art Gallery, Slitheen


Solkide Auer dice di sé

Secondlife e' stata ed e' una esperienza per me molto importante.
L'impatto iniziale di curiosita' per questo metaverso si e' trasformato con il tempo con la voglia di poter dire anche io qualcosa cercando di crearmi una identita' ben precisa.
Questa opportunita' me l'ha data il Build, ossia la capacita' di costruire oggetti di qualsiasi genere dal semplice al piu' complesso, naturalmente seguendo i corsi messi a disposizione dalla scuola di Build di Secondlearning. Con l'andare del tempo e dopo aver girato in lungo e in largo questo metaverso, mi sono ritrovato a voler fare qualcosa che andasse oltre i soliti canoni delle strutture e costruzioni classiche, provando ad esprimere delle mie idee attraverso delle sculture di vario genere. Iniziando da forme geometriche sono approdato poi all'uso di tecniche piu' difficili quali lo shade, che permette di manipolare un solo prim in maniera complessa e dando forme inaspettate e dissimili dalle solite cose che si possono trovare andando in giro. Naturalmente alle spalle c'e' un lavoro di tentativi su tentativi e intere serate a cercare di capire come meglio forgiare delle opere che potessero dare una emozione anche la piu' semplice..ma che potesse far soffermare su una idea che io ho in testa, e poterla condividere con altre persone.
Nel corso di questa mia seconda vita ho avuto l'opportunita' di partecipare a diverse mostre ed esposizioni sia in land italiane che in land internazionali. Tra le varie cito la costante presenza in tutte le mostre organizzate da Lion igaly nella sua Piramide e nei due Diadema, e di seguito elenco alcune delle altre:
La mostra organizzata presso Arkitris,
una esposizione presso la Factory Arthouse,
una mostra nella land di Alberobello,
esposizione nelle vie della citta' di Mantova,
mostra Radiance presso la Angel Gate curata dall'amico Bau Ur,
Esposizione dell'opera Relativity dedicata a M.C. Escher presso il Primting Museum,
esposizione presso la Kublai Porto dei Creativi di Junikiro Jun
una mostra personale insieme a Shellina Winkler presso il Crescent Moon Museum,
La presenza di una mia scultura al Museo Kristi Ao presso la land della NMC,
L'esposizione di mie sculture presso il Museo del Metaverso curata da Roxelo Babenco,
due esposizioni in due momenti differenti presso la T&S curata da Lion Igaly
esposizione presso "madonna di Campiglio" nel giorno della sua inaugurazione
esposizione della scultura Tornado a Post Utopia nel piu piccolo museo al mondo di Roberta Greenfield, e il grande lavoro fatto al Burning Life 2008 con una intera zona dedicata a dei lavori sui disegni di M.C. Escher con tre opere: Relativity, Belvedere, Another world 2 oltre che a mie creazioni personali a fare da corredo,
Nel frattempo ho curato e curo costantemente la mia galleria personale insieme alla collega Shellina Winkler presso la Italicart, nata e voluta per dare un luogo di presenza fisso ai nostri lavori.
Periodicamente vado e esporre dei miei lavori al Brooklyn is watching, un luogo di esposizione a cielo aperto le cui opere vengono ritrasmesse su dei monitor in una galleria americana di New York city, prossimamente.....spero di continuare a poter dare emozioni.



http://solkideauer.blogspot.com/
http://www.flickr.com/photos/solkide_auer/
http://it.youtube.com/user/SolkideAuer

English

Solkide Auer's bio


Second Life has been and is for me a very important experience.
The starting effect of curiosity for this metaverse soon turned into the wish of saying something trying to create a definite personality. Building gave me that chance, that is the ability to creating objects of any kind, from the simplest to the most complex. All that after attending some courses offered by the school of Building at Secondlearning. Later on, after exploring this metaverse far and wide, I realized I wanted to do something that would go beyond the usual rule of structures or classical framing; so I tried to express my ideas through different sculptures. I started creating geometrical shapes then I used more difficult techniques such as "the shade", which gives the possibility to manipulate a unique prim in a very complex way. As a result I obtained unexpected and different shapes quite unlike the ones anyone can find around.
It is clear that I've been working hard to get this result trying to get the good ones a and long nights spent trying to understand how to frame at my best some works that could convey an emotion.... even the simplest, and that it could attract people to an idea I had in my mind or just to share my message with them.

1 commento:

roxelo ha detto...

Una grande mostra con quasi tutto l'archivio rezzato. Bravi!